In questo istante ci sono 610.000 detenuti nei 28 Paesi UE. Secondo il Paese, sono tra 100 e 300 ogni 100.000 abitanti (Eurostat 2016). Di cui donne il 7%, minori il 2,5%, stranieri il 22% (European Sourcebook of Crime and Criminal Justice Statistics 2014); e si conferma che la recidiva è maggiore per i giovani, nel primo anno dal rilascio e per chi ha già un passato criminale (Council of Europe, Annual Penal Statistics 2015). Dallo stesso rapporto si conferma la riduzione di finanziamenti alle misure alternative alla detenzione e alle innovazioni interne, che contribuirebbero alla funzione riabilitativa della pena, così come il coinvolgimento in attività educative per adulti, ben inferiore alla media UE del 10,8% (Relazione di monitoraggio del settore dell’istruzione e della formazione 2017) già inferiore al target del 15% per favorire anche l’occupabilità di fronte alle sfide della rivoluzione tecnologica e digitale nel lavoro.

Il progetto punta alle competenze d’uso delle stampanti 3D, che stanno entrando sempre più massicciamente a far parte dei processi creativi e produttivi delle piccole e medie imprese di tutto il mondo, non soltanto nell’ambito della prototipazione rapida, ma anche nei settori di progettazione industriale, ingegneria, design, architettura, abbigliamento, gioielleria, medicina e ricerca scientifica.

Partner

Eventi

Annuale Mensile Settimanale Giornaliero Lista
Nessun evento trovato!